Scopriamo cosa sono i Viperidi e le loro caratteristiche principali

By | aprile 19, 2017

I Viperidi (Vipere e Crotali) sono serpenti per lo più tozzi, con testa nettamente distinta dal tronco.

Loro caratteristica sono i denti del veleno, lunghi e affilati, impiantati nella mascella superiore.

ll veleno dei Viperidi, micidiale subito dopo la muta, agisce sulla circolazione, sul sangue e sul cuore.

Le circa 100 specie della famiglia sono quasi tutte ovovivipare e diffuse sia nel Vecchio Mondo (Vipere) sia nel Nuovo (Crotali).

La Vipera comune (Vipera aspis) è lunga dai 60 agli 80 cm, con testa allungata e triangolare e nasino all’insù.

La sua colorazione varia da regione a regione, perciò si trovano individui bruno-rossicci, bruni,
giallastri, raramente neri con disegni sul dorso a macchie trasversali alternate.

La Vipera va in letargo nei mesi invernali, è invece attiva di giorno, In primavera e autunno, e di notte, nei mesi estivi più caldi. Si nutre di topi, lucertole, rane, piccoli uccelli. Le leggende popolari, e purtroppo non solo quelle, hanno esageratamente ampliata la pericolosità del morso di Vipera che, per l’uomo, raramente è mortale, anche se molto pericoloso.

La Vipera, se non molestata o imprudentemente colpita, non attacca, ma anzi fugge. Data la sua utilità nell’ecosistema, una maggior prudenza e non la loro sistematica uccisione, dovrebbe essere suggerita e propagandata.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *